Catalogo
DENIS MASI
Portraits in the crowd
Formato:
17 x 24
Pagine:
72
N. illustrazioni:
32 in tricromia
Rilegatura:
brossura con alette
Anno pubblicazione:
2007
Lingua:ed. trilingue italiano/inglese/francese
ISBN/EAN:97888-3660944-4
Prezzo:
18,00 Euro

Il volume, edito in occasione della mostra Portraits in the crowd, ospitata nel museo islandese di Hafnarborg, documenta il lavoro dell’artista italoamericano Denis Masi (West Virginia, 1942), realizzato tra il 2001 e il 2006.
L’insieme dei polittici fotografici presentati persegue lo sviluppo e l’idea di un approccio contemporaneo e tangente al genere del ritratto.
Il gruppo di opere selezionate vuole dare risalto al concetto di capitale sociale e a una concezione contemporanea del ritratto che si delinea attraverso uno svolgimento narrativo.
L’intento di Masi è quello di cogliere, in occasioni di particolari eventi, dei moderni ritratti, capaci di raccontare sentimenti di attesa, desiderio, perdita, e particolari emozioni, appunto come in una storia. La ricerca di un’immagine fissa che possa significativamente competere con una in movimento – un’ispirazione quasi cinematografica –, ha per Masi rappresentato un percorso di indagine costante che continua a riflettersi in queste sue ultime opere.
Il catalogo, dall’inedita veste grafica, è prodotto dal noto. designer Malcom Garrett, e accoglie un testo del critico Jón Proppé.



Hafnarborg (Islanda), settembre - ottobre 2007

The body of polyptych photographic works in the exhibition Portraits in the crowd prosecute the development and notion of a contemporary and tangential approach to the genre of portraiture. This selected group of works intends to address an interest in the idea of social capital and a current idea of the portrait as described through the progression of a narrative. These works are visual fictive tales that suggest sentiments of anticipation, desire, loss, disjointed emotions and perhaps other abstract but universal agendas. All of these images incorporate real historical time and space, drawing on visual information and using narrative conventions to weave an account. This research also tests the process of multi-image presentation in the attempt to tell a kind of story. Cinema has always influenced Masi’s work, especially the earlier work, which involved making large installations using static and real time elements. This aspect has been a continuing enquiry and is manifest in these recent works – how to propose a still image that might interestingly compete with a moving image.



Hafnarborg (Island), September - October 2007