Catalogo
CARAVAGGIO
I Bari della collezione Mahon
Curatore:
Daniele Benati, Antonio Paolucci
Formato:
23x28
Pagine:
72
N. illustrazioni:
40 a colori
Rilegatura:
brossura con alette
Anno pubblicazione:
2008
Lingua:ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN:9788836611133
Prezzo:
15,00 Euro


NON DISPONIBILE

Il volume è dedicato a un’opera eccezionale, ovvero I Bari di Caravaggio, di cui è qui presentata la versione autografa ritenuta più antica, recentemente recuperata e affidata in deposito all’Ashmolean Museum di Oxford da sir Denis Mahon – tra i più sensibili e più a lungo impegnati studiosi del Caravaggio – ed esposta in Italia nel corso della mostra “Guido Cagnacci. Protagonista del Seicento tra Caravaggio e Reni”.
Il dipinto – che si aggiunge all’altro già noto originale, scoperto nel 1986 e conservato al Kimbell Art Museum di Fort Worth (Texas) – è uno dei più famosi e ammirati della giovinezza dell’artista, nonché modello per numerosi seguaci.
Sul valore e sull’importanza della tela si esprimono in questo catalogo gli interventi di Mina Gregori e di Maurizio Marini, preceduti da un’introduzione di Daniele Benati. Seguono i testi di Lindsay Stainton e di Thomas M. Schneider, dedicati rispettivamente alla figura del collezionista inglese Christopher Norton, che acquistò l’opera nel 1769, e alla modalità pittorica di Caravaggio, e una relazione tecnica di Davide Bussolari. Completa il volume una bibliografia.


This catalogue is dedicated to what is believed to be the oldest atographed version of the Cardsharps of Caravaggio, purchased in London by Sir Denis Mahon, one of the most perceptive and committed Caravaggio scholars, who gave the opportunity to display this version of the Cardsharps alongside the version from the Kimbell Art Museum in Forth Worth, Texas. The painting is one of the most famous from the artist's early years, and was an inspiration for his numerous followers. The purpose of the studies collected in the present volume is to track the various transfers of ownership of the painting, which is probably the earlier of the two version painted by the young Merisi for his patron in Rome. Also including an essay on the pictorial technique of Caravaggio by Thomas M. Schneider and complete with bibliography.