Catalogo
THE NARCISSISTS
Elisabeth Heyert
Formato:
27x35
Pagine:
144
N. illustrazioni:
130 a colori
Rilegatura:
cartonato con sovraccoperta
Anno pubblicazione:
2009
Lingua:ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN:9788836614240
Prezzo:
50,00 Euro

Il volume presenta l’ultimo lavoro realizzato dalla fotografa americana Elizabeth Heyert (New York City, 1951), dal titolo The Narcissists, che completa una trilogia dedicata al ritratto, intrapresa coi lavori The Sleepers e The Travelers, che l’hanno imposta all’attenzione di critica e pubblico negli scorsi anni.
The Narcissists è composto da una serie di fotografie a grandezza naturale, a colori, che compongono dei trittici, ciascuno dei quali mostra una persona ritratta mentre si specchia.
Con questa serie la fotografa assume il ruolo di osservatore, di voyeur, di estraneo che, posto dietro lo specchio in modo da essere invisibile al soggetto che sta riprendendo, diventa testimone silenziosa delle emozioni di uomini e donne, colte nell’intima visione della propria immagine riflessa.

Elizabeth Heyert è una fotografa e scrittrice americana. Ha conseguito la laurea in Fotografia e Storia della fotografia al Royal College of Art di Londra. E’ conosciuta per i suoi ritratti fotografici sperimentali, e in particolare per la trilogia costituita da The Sleepers (2003), The Travelers (2005), e The Narcissists (2008). È inoltre autrice di libri di e sulla fotografia, fra i quali The Glass-House Years (Allanheld and Schram, 1979), Metropolitan Places (Viking Studio Books, 1989), The Sleepers (Sei Swann, 2003), e The Travelers (Scalo Verlag, 2006).



The volume presents the latest work by the American photographer Elizabeth Heyert, born in New York City in 1951, with the title The Narcissist, which completes a trilogy dedicated to the portrait - that she began with The Sleepers, followed by The Travellers - which was brought her to the attention of the critics and of the public.
The Narcissists is composed of a series of colour photographs in large format, making up tryptics, each one showing a person who is portrayed while she/he is looking at herself/himself in a mirror. With this series, the photographer plays the role of observer, of voyeur who, placed behind the mirror so that she cannot be seen by the portrayed person, becomes the silent witness of women's and men's emotions, caught in the intimate view of their reflected image.