Catalogo
L'AFRICA DELLE MERAVIGLIE
Arti africane nelle collezioni italiane
Curatore:
Ivan Bargna, Giovanna Parodi da Passano
Formato:
23x28
Pagine:
204
N. illustrazioni:
330 a colori
Rilegatura:
brossura con alette
Anno pubblicazione:
2010
Lingua:ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN:9788836619498
Prezzo:
35,00 Euro

Un eccezionale catalogo presenta ai lettori opere d'arte africana tradizionale provenienti da collezioni private italiane, per la maggior parte mai pubblicate prima.
Maschere, figure d'altare, feticci, pali funerari, oggetti rituali e d'uso quotidiano: opere di grande bellezza estetica, capaci di condurre nel cuore delle culture dell'Africa sub sahariana, dei loro costumi e modi di vita, dal Mali al Congo, dalla Costa d'Avorio al Camerun.
Un'occasione per scoprire un patrimonio misconosciuto, che, nel nostro Paese - la cui memoria coloniale riguarda altre regioni, islamiche e cristiane, lontane dalle culture proprie della così detta Africa nera - appare legato al gusto e alle scelte individuali di rari ma appassionati collezionisti.
Arti africane, da collezioni italiane: nel volume dunque, accanto all'analisi di alcuni aspetti di grande interesse antropologico legati a questi oggetti, viene restituita l'esperienza dei nostri connazionali - viaggiatori, studiosi, storici dell'arte - che hanno saputo mettere insieme queste strepitose raccolte.
Il volume, dal ricco repertorio fotografico, accoglie numerosi saggi storico-artistici e una bibliografia.


Genova, dicembre 2010 - giugno 2011



The catalogue presents African artworks held in private Italian collections, most of which have never been exhibited before, togheter with essays by leading specialists in the field.
Masks, altar figures, fetishes, and objects for ritual and everyday use thus provide a unique occasion to discover a little understood artistic legacy, starting from the experience of those who have ably assembled these astonishing collections.
How should we approach works of African art? Where do they come from, what lives have they led, and how did they get here? What do we see when we look at them? Africa has always been a source of wonder for us, and, more recently, so have African arts, tempting us to strike out a journey, be it real or imaginary.
In order to restore or simply evoke the aesthetic, sensorial and symbolic experience of the Africans who fashioned and used those works of art, howewer, we need to squarely face the fact, so mundane and so obvious as to have become invisible, that these objects are often found in the West and not in African at all. This is the first thing we should really wonder at.
Our starting point shall not be the African villages, therefore, but the collectors' own homes, the places where many works of Africa art reside today. We shall try to understand how culture and the world in which we live orient our gaze and allow us to see some things and not others: a certain idea of Africa.


Genoa, December 2010 - June 2011