Catalogo
LO SPAZIO INTERNO MODERNO COME OGGETTO DI SALVAGUARDIA
Modern Interior Space as an Object of Preservation
Curatore:
Roberta Grignolo, Bruno Reichlin
Collana:
Mendrisio Academy Press - Accademia di architettura, Universitą della Svizzera italiana/CUS
Formato:
21 x 24,5
Pagine:
296
N. illustrazioni:
160 in b/n e 228 a colori
Rilegatura:
brossura
Anno pubblicazione:
2012
Lingua:ed. ita/ingl/fra/ted
ISBN/EAN:9788836624171
Prezzo:
35,00 Euro

Accademia di architettura, Università della Svizzera italiana

Mendrisio Academy Press / Silvana Editoriale




Il volume raccoglie i contributi di alcuni tra i maggiori studiosi e progettisti sul tema della salvaguardia dello spazio interno, che negli interventi sul patrimonio edilizio del XX secolo passa spesso in secondo piano rispetto all’involucro esterno. Le diverse questioni sollecitate dal tema sono analizzate da un punto di vista teorico e tematico – la necessità di attingere a più “storie” per una reale conoscenza dell’oggetto architettonico, il problema della “musealizzazione” – ma anche immediatamente operativo, attraverso la discussione sugli interventi già realizzati. I testi toccano alcuni argomenti strettamente legati alla natura fragile degli interni, dal restauro di alcune “icone” del XX secolo – tra cui Fallingwater e la Sonneveld Huis a Rotterdam –; al difficile adeguamento alle attuali normative di “monumenti” quali gli allestimenti museali di Albini e Scarpa o le scuole di Schumacher e Scharoun; alla salvaguardia e riuso di interni che per loro natura tendono a una rapida obsolescenza, quali aeroporti e bagni pubblici, per esempio il Terminal parigino di Orly Sud o le Piscine des Amiraux di Henri Sauvage.

Testi, in italiano, inglese, francese o tedesco, di: Cécile Briolle, Andrea Canziani, Dorothea Deschermeier, Fernando Fiorino, Hartmut Frank, Emilia Garda, Michel Goutal, Roberta Grignolo, Justin Gunther, Jean-Baptiste Minnaert, Joris Molenaar, Marco Pogacnik, Bruno Reichlin, Jacques Repiquet, Giorgio Rigone, Arthur Rüegg, Paola Scaramuzza, Lynda S. Waggoner.