Catalogo
NAM JUNE PAIK IN ITALIA
Curatore:
Silvia Ferrari, Serena Goldoni, Marco Pierini
Formato:
19,5 x 24
Pagine:
216
N. illustrazioni:
210 in b/n e a colori
Rilegatura:
brossura con alette
Anno pubblicazione:
2013
ISBN/EAN:9788836626182
Prezzo:
30,00 Euro

Nam June Paik, considerato padre della videoarte, protagonista del movimento Fluxus, è fra gli artisti che hanno maggiormente incarnato i concetti di nomadismo, internazionalismo, rottura dei confini geografici e culturali nella seconda metà del Novecento. Nato a Seoul nel 1932, ha studiato musica all’Università di Tokyo, è approdato in seguito in Germania, e infine si è stabilito negli Stati Uniti. Eppure c’è un altro paese che si deve aggiungere tra quelli che hanno segnato l’arte e la vita di Paik: il nostro. Il legame dell’artista con l’Italia comincia negli anni della giovinezza quando si appassiona all’opera lirica: “L’opera – ricorderà più tardi – rappresenta quello che ricerco nell’arte elettronica, in un’opera c’è tutto: la musica, il movimento, lo spazio. Così, se un’operazione di arte elettronica riesce con successo, ritengo che debba essere considerata un’Opera elettronica”.
Questo volume raccoglie in una cronologia ragionata le tracce e le memorie del passaggio in Italia di Paik e delle sue opere attraverso un regesto cronologico che parte dalla seconda metà degli anni Sessanta e arriva fino ai giorni nostri, corredato da materiale iconografico composto da ritratti, documentazioni di performance, allestimenti di mostre e opere realizzate durante i suoi soggiorni italiani.


Testi: Henry Martin, Marco Pierini.



Modena, febbraio - giugno 2013