Catalogo
ARMAN
1954-2005
Curatore:
Germano Celant
Formato:
20 x 24
Pagine:
280
N. illustrazioni:
350
Rilegatura:
Brossura con alette
Anno pubblicazione:
2017
ISBN/EAN:9788836636815
Prezzo:
34,00 Euro


Questa monografia ricostruisce cinquant’anni di creatività di Arman (Nizza, 1928 - New York, 2005), in un ricco excursus in cui le vicende personali s’intrecciano con la storia e con il contesto artistico internazionale: dagli esordi nei primi cinquanta quando, a Nizza, stringe una grande amicizia con Yves Klein e Claude Pascal – e qui elabora le prime contaminazioni tra pittura e oggetti, trovati e raccolti per strada, con cui si fa conoscere sulla scena parigina e mondiale – fino alla firma del manifesto del Nouveau Réalisme nel 1960 e al trasferimento negli Stati Uniti dove si confronta con New Dada e Pop Art.
L’artista svolge la sua ricerca intorno alle cose del quotidiano: come afferma Celant, “l’intensificazione delle virtualità esistenziali dell’oggetto hanno portato Arman all’esplorazione di territori dal minimo al massimo del vivere urbano: dal timbro al monumento. Ha mescolato materie e prodotti, unità e serie, singolarità ed eterogeneità, imponendo ordine e disordine, per arrivare a costituire il flusso critico del reale”.
La narrazione è arricchita da un ampio apparato iconografico: dalle Accumulations di oggetti industriali e prodotti in serie, alle Poubelles in cui sono registrati gli scarti della società di consumo; dalle famose Colères, Coupes e Combustions, che con processi diversi smaterializzano gli oggetti privandoli della loro funzionalità, alla pittura, alle azioni e alle opere monumentali, come Hope for Peace, Beirut, Libano, 1995, che aderiscono alla “poetica delle cose”.
Completano il volume le riproduzioni dei documenti, le fotografie personali e i testi poetici dell’artista.

Testi di: Arman, Germano Celant, Chiara Spangaro


Roma, Palazzo Cipolla, maggio - luglio 2017