Catalogo
TONG YANRUNAN
Forme del tempo
Curatore:
Flaminio Gualdoni
Formato:
23 x 28
Pagine:
96
N. illustrazioni:
50
Rilegatura:
Brossura con alette
Anno pubblicazione:
2017
Lingua:Ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN:9788836637225
Prezzo:
25,00 Euro


Per Tong Yanrunan l’atto artistico è un’avventura alla scoperta della vera essenza del soggetto. L’artista cinese è guidato da un costante desiderio di connessione con l’animo umano e la natura, dando vita a un ritratto lontano dalla forma ma che, come le nature morte di Giorgio Morandi, crea una sorta di relazione costantemente appagante attraverso un’apparente semplicità.
Il soggetto abita la tela nell’essenza della non-distinzione, ogni volto è vivido e insostituibile, ogni immagine un mondo nuovo e ricco. Al pittore non interessa la vera storia dei suoi personaggi. Estraniandosi dal loro passato riesce a creare un ponte di connessione tra la propria anima e quella del soggetto, una reale e nuda comunicazione.
Osservare i ritratti di Tong significa lasciarsi governare da un calmo magnetismo, abbandonarsi alla visione di soggetti immobilizzati dalle dinamiche pennellate del pittore su tele di formato leggermente più piccolo del reale busto di una persona che creano immutabili Forme del tempo.

Tong Yanrunan considers the artistic act as an adventure towards the discovery of the true essence of its subject. The Chinese artist is empowered by a constant desire for getting in touch with the human soul and with nature, giving life to a portrait that is distant from the form but one that (like Giorgio Morandi’s still-life paintings) creates a sort of constantly gratifying relationship borne from apparent simplicity.
The subject dwells within the canvas in the essence of non-distinction; every face is vivid and irreplaceable; every image is a new and opulent universe. The painter is not interested in the true story of his characters. By estranging himself from their past, he manages to create a bridge between the soul of the artist and that of the subject – real, bare communication.
To observe Tong’s portraits means letting oneself go to a calm magnetism, abandoning oneself to the vision of subjects immobilized by the painter’s dynamic brushstrokes, on canvases slightly smaller than the real bust of a person and creating unalterable Forms of Time.



Bologna, Galleria d’Arte Maggiore G.A.M, giugno / June - settembre / September 2017