Catalogo
ANGELINO BALISTRERI (IT-UK)
Curatore:
Roberto Cresti
Formato:
23 x 28
Pagine:
240
N. illustrazioni:
200
Rilegatura:
Brossura con alette
Anno pubblicazione:
2018
Lingua:Ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN:9788836639359
Prezzo:
30,00 Euro


Il continuo stupore per la vita è il filo conduttore dell’opera pittorica di Angelino Balistreri (Quartu Sant’Elena, 1922 - Macerata, 2015), sviluppatasi fra la seconda metà del XX secolo e gli inizi del secolo successivo in Italia, in Francia e in remoti territori dell’Africa e del Medio Oriente. Le sue fasi sono scandite dal confronto con i modelli dei grandi pittori del Novecento, da Picasso a Chagall, e con fondamentali movimenti di avanguardia come l’Espressionismo, figurativo o astratto, e il Surrealismo, ma anche con memorie della più antica civiltà mediterranea, in specie della Sardegna, terra natale del pittore. Con una varietà di stili e una tecnica inconfondibile, consistente nello stendere il colore soprattutto con la spatola, Balistreri fa intendere tutto il valore di quel primitivismo moderno che Baudelaire annunciava scrivendo: “Il genio non è che l’infanzia ritrovata con la volontà”.

A ceaseless sense of wonder for life is the leitmotiv running through the painting of Angelino Balistreri (Quartu Sant’Elena, Sardinia, 1922 – Macerata, Marche, 2015), which unfolded between the second half of the 20th century and the beginning of the next century in Italy and France, as well as in remote African and Middle Eastern lands. The phases of his work are marked by a comparison with models by the great painters of the 1900s, from Picasso to Chagall, and with important avant-garde movements such as Expressionism (figurative or abstract) and Surrealism. Memories of ancient Mediterranean civilisations – especially Sardinian, in reference to the artist’s own native region – are also discernible throughout. Balistreri made use of a wide range of styles and an instantly- recognisable technique – consisting in the laying of colour mainly with a spatula – to showcase the significance of the modern Primitivism heralded by Baudelaire, who wrote: “Genius is nothing more or less than childhood recaptured at will”.