Catalogo
PINO PINELLI
Pittura oltre il limite
Curatore:
Francesco Tedeschi
Formato:
24 x 28
Pagine:
176
N. illustrazioni:
80
Rilegatura:
Brossura olandese
Anno pubblicazione:
2018
Lingua:Ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN:9788836640300
Prezzo:
34,00 Euro


Agli inizi degli anni settanta il mio lavoro, pur facendo parte di quella corrente definita da Menna “Pittura analitica”, si presentava tuttavia con caratteristiche particolari: non era un quadro, né una scultura, non aveva telaio, né tela, ma rompeva il concetto di quadro in frammenti; il muro entrava a far parte dell’opera, non era più il destinatario passivo. Gli elementi si disseminavano nello spazio. Tentavo di riscrivere una mia sintassi della pittura, esaltando le caratteristiche della pittura e della superficie e l’attenzione analitica al colore, che accoglievo tutto per trasformarlo in “oltre”.
In periodi più vicini a noi il mio lavoro seguiva nuovi orientamenti, indagava l’essenza dello spazio come luogo di propagazione del colore, cercando di spostare la linea della conoscenza.
I miei frammenti sono corpi inquieti di pittura proiettati nello spazio, che fluttuano in formazioni piccole e grandi e recano segni di una plasticità ansiosa e di una felicità visiva di un colore pulsante di vibrazioni luminose.

At the beginning of the 1970s despite being a part of that current defined by Menna as “Analytical Painting,” my work actually presented itself with peculiar characteristics: it was neither a painting, nor a sculpture, had neither a frame, nor a canvas, but rather broke down the concept of the painting into fragments; the wall became a part of the work, no longer merely a passive recipient. The elements were disseminated in space. I was attempting to rewrite my own personal syntax of painting, exalting the characteristics of painting and of the surface and the analytical attention to colour which I took in completely, in order to transform it into something “beyond.”
In more recent years my work has gone in new directions, investigated the essence of space as the site of the propagation of colour, trying to push the limits of knowledge. My fragments are restless bodies of painting projected into space, oscillating in small or large formations and bearing the marks of the anxious plasticity and visual joy of colour pulsating with luminous vibrations.


Pino Pinelli


Milano, Palazzo Reale, luglio / July - settembre / September 2018